martedì 18 aprile 2017

Aprile dolce...cortile!


Finite le vacanze di Pasqua...domani si ritorna a scuola!
Eccoci pronti per questi ultimi due mesi di scuola, quelli dove c'è voglia di stare all'aperto e dove il desiderio di muoversi è sempre più forte.
In questi mesi, finalmente, si potrà sfruttare maggiormenete il nostro giardino di scuola anche per studiare a piccoli gruppi.



Ecco una poesia per tutti noi!

Aprile

Andiamo a trovare
aprile
sull'erba dei prati!
Lo vedremo giocare
col vento lieve
di primavera,
snidare
col tiepido sole
i pigri animaletti,
lanciare
coi bimbi folletti
grossi aquiloni.
Andiamo a trovare
aprile!

A. Russo

mercoledì 22 marzo 2017

Noi? Si parte per Vallelunga!

Ci siamo!
All'interno del nostro Istituto i bambini delle classi quarte partecipano al soggiorno studio a Vallelunga, una valle laterale della Venosta.

Vivremo quattro giorni all'aria aperta e all'interno della Erlebnisschule, una scuola che offre esperienza legate alla natura e alla vita all'interno dei masi. Faremo il burro e il pane, coccoleremo i piccoli animali domestici, entreremo nelle stalle, lavoreremo il legno e la lana, faremo passeggiate sulla neve e scopriremo dove è nato l'Adige.

Per alcuni è il primo distacco da casa, per altri è un'esperienza completamente nuova e lontana dal proprio vissuto ma siamo sicure che per tutti sarà una magica avventura!

maestra Dani

venerdì 17 marzo 2017

Giochi per noi

Del nostro meglio e sempre più su!

In questo periodo la maestra Dani vorrebbe che riuscissimo a recuperare le nostre conoscenze in ortografia.
Per farlo utilizzeremo i giochi Montessori, dettati in movimento, dettati in bottiglia ma anche giochi da svolgere con il PC.

Per chi deve rafforzare con il vocabolario e l'ordine alfabetico:
http://www.baby-flash.com/ordine_alfabetico/alfabeto_sequenza/alfabeto_sequenza1.swf

Per chi deve consolidare GHE-CHE
http://www.baby-flash.com/ordine_alfabetico/suoni_simili/completa_chi_ghi1.swf

Per chi deve consolidare GHI-GHE
http://www.baby-flash.com/ordine_alfabetico/suoni_simili/completa_che_ghe1.swf

per chi vuole essere SUPER ESPERTO esercitandosi con parole difficili anche per i grandi con CIE-GIE
http://rossanaweb.altervista.org/blog/es_online/ortogr_gruppi/ortogr_gruppi2.htm

domenica 12 febbraio 2017

Sumeri per noi

In questi due mesi abbiamo studiato i Sumeri.

Come insegnante il mio deisiderio è quello di creare percorsi di ricerca che servano per imparare a studiare e a mettere in relazione tra di loro le conoscenze di diversi ambiti.

Sarebbe stato più semplice e meno energetico arrivare a chiedere ai bambini di studuiare da pagina 10 a pagina 17...ma non avrei ottenuto lo stesso obiettivo! Da dicembre a fine gennaio i bambini hanno potuto cercare informazioni su libri presenti in sezione e informazioni già apprese con altri docenti (ad esempio la relgione sumerica era stata già trattata con Don Manuel, il docente di religione). Hanno lavorato a casa e a scuola nelle ore di attività libere. Con me hanno cercato immagini per arricchire le loro ricerche, mi hanno motivato le loro scelte.

In questi ultimi giorni ascolteremo alcune ricerche che ancora non sono state esposte: è difficile comprendere che prepapare un materiale o un cartellone non vuol dire essere competenti in qualcosa...ma questo succede anche per alcuni docenti!

Le attività linguistiche sono state improntate su attività di testi argomentativi scritti da me (Alimentazione, Stendardo di Ur, organizzazione, religione) con domande mirate per arrivare alla mappatura delle informazioni necessarie alla costruzione dell'argomento trattato.

Navigando si trovano tante informazioni, ma attenzione!!! Non sempre tutto quello che si trova è pertinente e corretto.

Vi rimando ad un link per solo esperti ;-)

Ma tu, sei un vero esperto??? http://blogcalim.blogspot.it/2012/10/il-popolo-dei-sumeri.html

lunedì 30 gennaio 2017

i giorni della merla

Fa freddo in questi giorni...sono i giorni della merla: 29, 30 e 31.

Si narra che in una città italiana, quelle del NORD tanto, tanto tempo fa ci fu un inverno molto rigido.
La neve scendeva dal cielo e copriva tutta la città, le strade, i giardini.
Sotto la grondaia di un palazzo c’era il nido di una famigliola di merli, che a quel tempo avevano le piume bianche come la neve. C’era la mamma merla, il papà merlo e tre piccoli uccellini, nati dopo l’estate.
La famigliola soffriva il freddo e stentava a trovare qualche briciola di pane per sfamarsi, perché le poche briciole che cadevano in terra dalle tavole degli uomini venivano subito ricoperte dalla neve che scendeva dal cielo.
Dopo qualche giorno il papà merlo prese una decisione e disse alla moglie: “Qui non si trova nulla da mangiare, se continua così moriremo tutti di fame e di freddo. Ho un’idea, ti aiuterò a spostare il nido sul tetto del palazzo, a fianco a quel camino, così mentre aspettate il mio ritorno non avrete freddo. Io parto e vado a cercare il cibo dove la neve non è ancora arrivata”.
E così fu fatto: il nido fu messo vicino al camino e il papà partì. La mamma e i piccoli uccellini stavano tutto il giorno nel nido, scaldandosi tra loro e anche grazie al fumo che usciva tutto il giorno dal camino.
Dopo tre giorni il papà tornò a casa e quasi non riuscì più a riconoscere la sua famiglia! Il fumo nero che usciva dal camino aveva colorato di nero tutte le piume degli uccellini!
Per fortuna da quel giorno l’inverno divenne meno rigido e i merli riuscirono a trovare cibo sufficiente per arrivare alla primavera.
Da quel giorno però tutti i merli nascono con le piume nere e, per ricordare la famigliola di merli bianchi divenuti neri, gli ultimi tre giorni del mese di gennaio sono detti “I tre giorni della merla”.

Da: Filastrocche.it

venerdì 13 gennaio 2017

Gennaio è arrivato




Io sono il primo di dodici figli,
tutto vestito di candidi fiocchi,
spargo brillanti per campi e per cigli,
porto ai camini la festa dei ciocchi.
Di ghiaccio e neve ricopro le vette
e metto al fuoco le dolci ballate.

                              O. Coccia







Eccolo arrivato, questo mese freddo all'aperto fatto di neve e vento,
di gioia dei pupazzi e biscotti croccanti da mangiare insieme
ma anche di calore che nasce stando in casa, stando vicino al termosifone.

Si è fatta aspettare da tutti e per tanto, ma oggi la grande sorpresa: la neve!
CANTIAMO INSIEME LA CANZONE DELLA NEVE https://www.youtube.com/watch?v=e4m8XqP8450

sabato 24 dicembre 2016

Buon Natale all'insegna dei diritti dei bambini

Ivan questa volta l'ha combinata grossa: ha creato una catena d'amore!

Alcune settimane fa ha raccontato ai suoi compagni della bellissima esperienza vissuta con il Branco Occhi Lucenti del Bolzano 2 presso la stazione di Bolzano. Ha consegnato giochini al centro che quotidianamente accoglie una famiglia straniera che transita per andare all'estero insieme ai suoi tre, quattro, cinque figli. Una situazione di esodo quotidiano che spezza il cuore. Ci sono poi bambini, perchè a 12 anni sei un bambino, che questo viaggio lo compiono da soli, magari perchè i genitori sono già all'estero e chi li accudiva non c'è più o la situazione nel loro Paese è diventata drammatica.

I bambini ascoltavano in silenzio e sembrava un po' una bestemmia mettersi a parlare poi di diritti dell'infanzia...in questi giorni dove la follia sembra essere nuovamente esplosa, con TIR che investono gente, bimbi di 7 anni che vengono fatti esplodere e ospedali esteri in stato di assedio...
Lo abbiamo fatto ugualmente: siamo andati avanti nel nostro progetto dei Diritti dell'Infanzia, realizzando ricerche che sono diventate un bellissim
o copione con i diritti per loro findamentali:
- avere un nome
- avere una famiglia
- avere una casa
- mangiare, bere e dormire
- essere curato e accudito
- essere vestito
- andare a scuola
- esprimere il proprio pensiero e scegliere la propria religione
- ricevere le coccole
- poter giocare.

La speranza riparte dai bambini: i bambini che sono la parte più bella del mondo, con il loro spezzare il panino se un compagno è senza merenda, scusare l'altro anche davanti a torti gravi, andare avanti anche se devono sopportare cose che neppure io, maestra di 36 anni, ho mai sopportato.

I miei ragazzi, grazie all'esperienza forte raccontata da Ivan, sono diventati i pastori di Betlemme: hanno donato giochi (molti nuovi e siglillati, altri con pacchetti infiocchettati con anche dolci), guantini, magliette, vestiti... a chi ne aveva bisogno.
I miei ragazzi, così vivaci nel loro modo di fare, erano i piccoli pastori di Betlemme! Nella loro generosità e semplicità hanno donato ciò che avevano come fecero 2016 gli uomini svegliati dall'angelo che annunciava la vita di un bambino che aveva deciso di nascere in terra straniera povero tra i povero.

Ieri ho consegnato i loro pacchi al centro di accoglienza di via Galilei presso la Casa Einaudi. Donne stremate ma sorridenti che con dignità tenevano strette le loro pance...Sono ritornata ai miei 18 anni e all'esperienza fatta presso al Centro di prima accoglienza LA BADESSA di Squinzano con il mio gruppo scout Bolzano 10. Stringe il cuore. Stringe veramente tanto...

Questo è stato un Natale speciale per la quarta C e mi sa che durerà un bel po'...perchè la catena d'amore continuerà ad esserci come testiminianza silenziosa contro la guerra, lo scetticcismo e le bestemmie di chi si permette di giudicare chi scappa da situazioni che neppure nei peggiori degli incubi possiamo immaginare.
Buon Natale tutto l'anno
maestra Dani e i fantastici bimbi della Quarta C